:::: MENU ::::

12 Comments

  • Rispondi francesco |

    Non riesco a capire cosa spinga dei cervelli indubbiamente arguti come i vostri a dedicare tanto tempo ed energie al niente. Capirei se uno non facesse niente, ma dedicarcisi mi è incomprensibile. Cosa darei perchè intelligenze come le vostre si occupassero di costruire. Ma forse sono ingiusto, magari questo è solo un luogo di sfogo e svago dopo le fatiche. Chiedo perdono anticipatamente per la presunzione, ma quando mi pare di vedere ben di dio sprecato mi viene l’orticaria…
    http://www.emporioprimovere.it/WordPress/

  • Rispondi francesco |

    Il vezzo è sempre quello: ottima risposta, dialetticamente perfetta, tranciante, ma assolutamente nulla sul contenuto.
    Comunque, in effetti ho sbagliato, non avrei dovuto dire “darei”, ma diamo. Lo puoi leggere qui:
    http://www.emporioprimovere.it/PrimoVere/HTML/Front/Cooperativa/chisiamo.php
    E’ niente rispetto ai problemi, ma tanto rispetto alle nostre capacità ed al nulla che avanza.
    Una cosa soprattutto ci ha spinto: la sensazione di soffocamento di fronte alla insostenibile leggerezza di essere in quest’epoca.
    Ora spero che anche tu risponda seriamente.
    Francesco

  • Rispondi gas |

    visto il sito, lodevole iniziativa, complimenti. I “g.a.s.” sono simpatici come espressione di consapevolezza collettiva oltre che per il nome. Penso pero’ di non aver capito la domanda.
    Cosa intendi per “costruire” ?

  • Rispondi Francesco |

    Forse con un esempio viene più semplice, per quanto il concetto mi sembri sufficientemente semplice. Per costruire intendo che se uno vede una cosa ingiusta si da da fare per opporsi a quell’ingiustizia, invece che lasciarsela scivolare addosso.

  • Rispondi gas |

    Credo nella giustizia della natura non in quella degli uomini. La giustizia degli uomini cambia a seconda del tempo e dello spazio.

    Chiaramente il sopruso o la volonta’ di ferire il prossimo mi urtano, ma so’ che l’uomo è anche questo, purtroppo.

  • Rispondi Francesco |

    La tua saggezza mi impressiona…
    Io il problema della giustizia universale della natura non me lo pongo proprio. Personalmente, dato che non credo riuscirò a vivere più di cento anni, anche se la “giustizia” umana cambia nel corso dei millenni, cerco di occuparmi di quella che combacia con il mio breve periodo di esistenza… Avere bisogno di verità assolute ed eterne per provare a fare, è un atteggiamento che ho abbandonato verso i 16 anni.
    Il fatto di sapere che l’uomo è anche questo, non mi consola e non mi fa desistere dal provare a fare ciò che posso.

  • Rispondi Francesco |

    Comunque, la tua visione delle cose conferma la mia prima impressione: è senz’altro sintomo di intelligenza, ma di una intelligenza sterile, perchè produce solo disincanto, cinismo, narcisismo e condanna alla paralisi dell’azione.
    Conludo con una citazione di Woody Allen: “Frequenti troppi geni. Dovresti uscire con qualche imbecille, ogni tanto, ti farebbe bene.”

  • Rispondi santana |

    Woody Allen ha anche detto che il vantaggio di essere intelligente è che si può far credere di essere idiota, mentre è impossibile il contrario.

    Ebbene, caro Francesco, il buon Allen in questo caso sbaglia, perchè ti trovi di fronte all’unico esempio di idioti che riescono a simulare intelligenza.

So, what do you think ?