:::: MENU ::::
Browsing posts in: musica

VORTICOSE DANZE COSACCHE !

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=BvnJS_zkaMY&hl=en]

In questo periodo sono ossessionato dalle danze cosacche. I cosacchi sono un antichissimo popolo della steppa dalla tradizione militare. Ho recentemente sognato una scena di un ensamble di danzatori cosacchi durante una festa: molto esotico oltre che divertente.
Vi invito alla visione del film La Decima Vittima di Elvio Petri (1965), in tale pellicola c’e’ una scena di danza cosacca molto particolare: i danzatori durante i balli bevono molti superalcolici, la danza finisce quando sono ubriachi e non riescono piu’ a stare in piedi. Perchè non mettiamo 100 euro a testa e organizziamo uno spettacolo di danze cosacche al forum di Assago ?

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.


PORTISHEAD A MILANO

PORTISHEAD THIRD
I ragazzi son tornati. Un’ora e mezza di concerto piu’ 30 minuti aggiuntivi di spettacolo con Beth Gibbons, 2 chitarre (una di Adrian Utley), un basso (si suppone suonato da Geoff Barrow) una batteria, un secondo percussionista che all’occorrenza si trasformava in scratcher e tastiere.

Third è il nome del disco nuovo, le nuove derive sono noise (come per esempio nel caso di Machine Gun), chitarroni e per certi versi anche uptempo come nel caso del pezzo d’apertura WE CARRY ON supportato egregiamente dalle grandi immagini proiettate sullo sfondo.
Molti i pezzi di Third presentati live ma sapientemente miscelati con brani degli album precendenti. La Gibbons in grande forma.

La resa dal vivo in generale da’ una sensazione piu’ “rock” rispetto al disco per via dei suoni di basso e batteria, ma non è spiacevole ed il pubblico risponde calorosamente e i Portishead sembrano presi bene. Concerto sold out, i bagarini fuori vendevano biglietti a 100 euro.

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.


ITALIAN SPIDERMAN by RecordKicks

In 1964 Alrugo Entertainment went in to production of the feature film Italian Spiderman, four years later, the film was complete and the company was bankrupt. The film was considered so edgy and generally confusing that no Italian distributor would pick it up. Alfonso Alrugo, the film’s producer and head of Alrugo Entertianment sent the only existing 35mm print of the film off to an underground distributor friend of his in New York in a last ditch attempt to get Italian Spiderman out to the world and maybe re-coup some profit. The cargo ship containing the only print of the film sank somewhere in the Atlantic Ocean. Alfonso closed the gates to Alrugo Entertainment and went back to the trade that made his millions, orange farming. Alfonso’s oldest son, Francesco Alrugo decided to join his father in re-building his orange empire whilst his younger son, Tedesco Alrugo stayed in the city to continue running ‘Alrugodisc’ the record company Alfonso had established. continua…

http://www.youtube.com/v/UhHhXukovMU&rel=1&border=0

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.



giovani musicisti e produttori piemontesi

Club Silençio, trasmissione in onda tutti i lunedi’ sera dalle 22 alle 24 su radio gold vorrebbe presentare musiche di giovani artisti piemontesi, produttori o musicisti di jazz, funk, elettronica, bossa, ethno, hip hop o quant’altro possa essere compatibile col programma stesso.

siete quindi invitati a spedire demo in formato cd audio a questo indirizzo:

Club Silençio c/o Radio Gold
palazzo pacto,
spalto marengo 44
15100 alessandria

————————————————————————————-

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.



IL PERSONAGGIO DEBOLE

in libreria il nuovo romanzo di Luigi Villa Freddi

“Come in una Stanza Buia”, e’ il titolo del libro del casalese Villa Freddi, Julien e’ il nome del suo personaggio. Il protagonista invece e’ il mondo interiore di tale personaggio. Pianista di fama internazionale severo prima di tutto con se stesso, Julien si trova attanagliato dalla banalit�, dalle vicissitudini della vita di un uomo sensibile, forse troppo. Tra ristorantini, fidanzate e spostamenti per concerti, anche le sensazioni pi� forti, anche le azioni pi�’ dissolute e lascive, dentro Julien scorrono via come una biscia su un masso gelido.

La coscienza di tale condizione per Julien e’ l’inizio di un’ossessione di morte che prende il nome di Drieu De La Rochelle, autore francese di Le Feu Follet. Il personaggio del Villa Freddi vive un processo di identificazione con il personaggio di La Rochelle; come lui in effetti vive la difficolta’ della relazione con le altre persone vicine, dalle quali si sente tradito. Per estensione pero’ si potrebbe dire anche che il personaggio si sente tradito dalla vita in genere. Ed e’ proprio questo che Luigi Villa Freddi riesce a descrivere con uno stile a tratti sbrigativo quando descrive luoghi o azioni, ma lento e profondo quando racconta la debolezza del suo personaggio.

Il romanzo scorre velocemente ed e’ breve, non si possono non citare anche delle bellissime pagine di musica, la colonna sonora di questo libro potrebbe essere basata sui dei pianoforti, su degli swing e su dei temi jazz oscuri, ma anche su prolungati silenzi.

Per chi volesse approfondire consiglio vivamente la visione del film Le Feu Follet di L. Malle.
___________________________________________
Luigi Villa Freddi
COME IN UNA STANZA BUIA
edizioni Lampi di Stampa
pagg. 80
EURO 12.00

libro luigi

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.


SIAE: ENNESIMA FIGURA DI GUANO

La SIAE accusa bambini bielorussi?

Accade in Puglia, dove un gruppo di ragazzini si dilettava a cantare canzoni popolari prima di imbattersi in un emissario della SIAE
Roma – “Mentre i bambini cantavano Viva la Gente e un brano popolare bielorusso, nel locale si è affacciato un estraneo, che poi si è presentato come Dottor Disanto, il titolare dell’ufficio SIAE di Martina Franca, perché nessuno dei bambini bielorussi aveva chiesto l’autorizzazione a esibirsi alla Società italiana degli autori e editori”.

Recita così un articolo uscito nelle pagine della Cronaca di Bari di LaRepubblica: parrebbe che ai bambini, che partecipavano ad un evento organizzato da due associazioni pugliesi non profit, sia stato contestato il reato di violazione delle leggi sul diritto d’autore.

Della cosa parla Anti-Phishing Italia.

grazie a Clod per questa notizia che faro’ presto circolare nell’ambito dei disck jockey !

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.


BELLE MUSICHINE DI RECENTE FATTURA

l'era dell'ottimiso

e’ uscito il nuovo disco dei JOULE e io l’ho comprato. Visto che mi piace lo sottopongo alla vostra attenzione. Li ascolto dal tempo di MUSICA PER ASCENSORI (spero di aver scritto il titolo esatto) che credo sia il loro secondo disco. Il disco nuovo invece si chiama L’ERA DELL’OTTIMISMO e presenta la solita cura nell’uso dei testi, del suono delle parole e delle melodie. Il disco gira tutto attorno al concetto di vari sentori moderni: tra gap sociali e affetti di figure professionali come il matematico, la prosituta, il sarto. E’ difficile scrivere musica cosi’ facile. Vi consiglio di comprare il cd sul loro sito. aSBESTOS cITY prod.

l'era dell'ottimiso

altro disco: UOCHI TOKI _ LAZE BIOSE _ burp

anche qui si tratta di testi. Gli UOCHI TOKI fanno una musica che e’ poco musica e tanto scrittura. Ascoltarli con attenzione diventa una necessita’ dopo la prima traccia, ma non ascoltarli come si asoltano i JOULE, dei UOCHI TOKI si ascolta cosa hanno da dire, la loro rappata sembra che stia per cadere continuamente e questa cosa crea un effetto straniante ampliato dalle basi elettroniche dissonanti e zoppe.

Una scrittura libera come poche che non si vergogna del non senso che crea e neanche dell’alternare immagini e concetti estremamente ironici con altri estremamente all’opposto. Mi rendo conto che il registro linguistico che sto usando per scrivere ora e’ sbagliato perche’ troppo serio invece gli UOCHI TOKI ridono su tutto ed e’ una cosa che a me piace assai. Gli UOCHI TOKI non assomigliano a nessuno, musicalmente. Forse sono molto uguali a tutti coloro che si sentono diversi dagli altri (non musicalmente).

Per inciso: io ho sentito l’EP che sul loro sito potete scaricare gratis e VOCAPACH l’ultimo disco invece l’ho ordinato ma non mi e’ ancora giunto.

Personalmente mi immagino un concerto dei UOCHI TOKI con tanta gente immobile con l’orecchio teso per sentire bene le parole, quindi un concerto poco concerto. Piu’ un convegno. La cosa mi incuriosisce. Spendete 15 euro e ordinate il disco.

post di Gas

pensatore, sbevazzone, illuso, lussurioso.



Pagine:1234